Il Comitato in collaborazione con molte associazioni della scuola diffida il Ministero ad adottare un protocollo che garantisca VERA SICUREZZA

🛑COMUNICATO STAMPA – DIFFIDA AD ADEMPIERE🛑

In occasione del previsto incontro di oggi 27 luglio 2021 tra il MI ed i sindacati di settore, il ideaScuola Comitato Nazionale in collaborazione con il prof. S.B.C. Scuola Bene Comune – Il gruppo di Libero Tassella ,il Comitato per la famiglia e i diritti dei bambini a scuola, l’Associazione La Voce della Scuola , il Comitato Si’ DaD tutela salute istruzione e società – rappresentati dall’avvocato Roccodavide Guerra – hanno inviato una diffida formale alle Istituzioni preposte (MI, Min Salute, CTS, ISS) ed agli interlocutori sindacali per l’adozione di un protocollo aggiornato e di misure di mitigazione adeguate per un anno scolastico in presenza ma con la garanzia della massima sicurezza possibile per tutto il personale scolastico, gli alunni e le loro famiglie.

I Comitati e le Associazioni citati, per conto proprio e dei propri associati, danno voce inoltre ai tanti cittadini spontaneamente costituitisi sui canali social – Scuola, sicurezza e salute senza colore politico ; Libertà di DAD anche al Nord. La scuola da casa è rispetto per la vita. ; SI DAD GIUSTO COMPROMESSO SALUTE ISTRUZIONE ; NOI CHE VOGLIAMO LA DAD ; DAD IN LIBERTÀ PER DOCENTI ED ALUNNI – che dall’inizio dell’epidemia Covid-19 denunciano le carenze di misura di mitigazione del contagio nelle aule scolastiche e chiedono maggiori livelli di sicurezza in nome del principio di massima precauzione.

La lettera si apre con un’articolata premessa in cui si citano fonti scientifiche autorevoli e si motiva il perché si consideri inaccettabile che i bambini siano esposti volontariamente al contagio, affidando la loro sicurezza e la loro salute esclusivamente alla mascherina chirurgica e al distanziamento. Dall’alta contagiosità della variante Delta, allla mancata vaccinazione dei bambini sotto i 12 anni, dal rischio del calo del livello di immunizzazione per le categorie vaccinate a Gennaio/Febbraio ai rischi del long covid anche in età pediatrica.

I firmatari del documento invitano a confrontare le best practice di altri paesi al fine di adottare tutte le misure e le cautele possibili per tutelare la salute degli alunni che si accingeranno a frequentare la scuola in presenza per il prossimo anno scolastico 2021/2022.
Nel contempo, diffidano le autorità competenti a sottoscrivere un Protocollo di Sicurezza che includa il (i) distanziamento di almeno 1 mt tra banchi dinamico; (ii) il mantenimento di mascherine classificate come DPI per tutta la durata della permanenza in ambiente scolastico a partire dai 6 anni; (iii) l’Installazione di rilevatori di CO2, di sistemi di aerazione e di sanificazione dell’aria; (iv) Testing preventivo e periodico (non inferiore a settimanale) e contact tracing; (v) quarantene obbligatorie in caso di rilevamento di un caso di positività e rientro solo dopo esito negativo di tampone; (vi) rilevazione temperatura ingresso; (vii) ingresso precluso a chiunque mostra sintomi, anche lievi, a carico dell’apparato respiratorio e/o digestivo.
In caso contrario, gli scriventi affermano che interverranno denunciando ancora una volta le inadempienze degli organi competenti presso tutti i mezzi di informazione e si riservano di agire sia stragiudizialmente che giudizialmente per tutelare in tutte le sedi più opportune i diritti di alunni e personale scolastico.

COMUNICATO CONGIUNTO Comitato Nazionale IdeaScuola e SBC



Il Comitato Nazionale IdeaScuola e SBC chiedono chiarimenti urgenti al Ministero della Salute in merito alle dichiarazioni rilascite dal Viceministro Sileri.
Il Viceministro, in un’intervista rilasciata a Pietro Senaldi per Libero Quotidiano, ha dichiarato – in merito al prossimo rientro in aula in riferimento ai bambini sotto i 12 anni non vaccinabili – “La variante Delta infatti si trasmette molto più facilmente di quella originaria, mascherine e distanziamento non bastano. L’unica via è far circolare il virus tra i bambini, che salvo rarissimi casi non stanno male, e immunizzare gli adulti, che così non si contagiano».https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/28029461/pierpaolo-sileri-senaldi-coronavirus-variante-delta-zona-gialla-chiusure-cosa-succedera-breve.amp
Quanto affermato dal Viceministro Sileri è gravissimo
• Sono tanti i bambini con patologie a rischio (immunodepressione, patologie endocrinologiche,  a carico dell’apparato cardiovascolare, solo per citare qualche esempio), 1 bambino su 5 e’ sovrappeso e 1 su 10 soffre di obesità; bambini che rischiano di sviluppare forme gravi della malattia.
• I bambini possono trasmettere a loro volta il virus a nonni, persone fragili ed anche gli stessi docenti, per cui il vaccino potrebbe non essere sufficiente. Non sappiamo ad oggi neanche quanto dura la copertura vaccinale ed i soggetti vaccinati i primi mesi dell’anno – proprio i più fragili – potrebbero non essere coperti ad ottobre/dicembre (https://www.iss.it/covid19-faq/-/asset_publisher/yJS4xO2fauqM/content/quanto-dura-la-protezione-una-volta-fatto-il-vaccino-posso-tornare-alla-vita-di-prima-della-pandemia-)
•sebbene il rischio di malattia grave o morte per Covid-19 è considerato basso nei bambini e nei giovani, molti studi indicano che il COVID-19 può avere un impatto a lungo termine anche sui bambini, compresi quelli con COVID-19 asintomatico/paucisintomatico, evidenziando la necessità per i pediatri, gli esperti di salute mentale e i responsabili politici di attuare misure per ridurre l’impatto della pandemia sulla salute dei bambini. https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2021.01.23.21250375v1
• i dati che arrivano dal Regno Unito sulle conseguenze della variante Delta indicano 40 bambini ricoverati per #Covid19 ogni giorno (dato in aumento) e oltre  1.000.000 di bambini assenti a scuola nella settimana (12-18 Luglio2021)  https://www.theguardian.com/education/2021/jul/20/more-than-1m-pupils-in-england-absent-last-week-due-to-covid-schools
Se mascherine e distanziamento (tra l’altro indicato come bypassabile dal CTS, verbale 12/7) non sono sufficienti a proteggere i bambini dal contagio, che si intervenga seriamente per mettere in sicurezza le scuole! È inaccettabile che i bambini vengano esposti volontariamente al contagio quando dovrebbero essere i più tutelati ad iniziare proprio dal Ministero della Salute: non sono numeri sacrificabili!
Lanciamo un appello ai Sindacati, in vista del loro prossimo incontro del 27/7 con il MI, affinché prendano posizione ferma e decisa contro un rientro in aula non in sicurezza a tutela di tutti i lavoratori, ricordando che anche gli alunni sono considerati tali, non derogando a quanto previsto dal TU.
Il Comitato IdeaScuola e SBC porranno in essere tutte le azioni, anche legali, a tutela della salute dei minori e di tutti coloro che frequentano gli ambienti scolastici.